Monthly Archives: gennaio 2013

Che noia l’inverno…!!!

Che noia l’inverno…!!!

Ciao ragazzi! Innanzitutto una comunicazione di servizio per tutti i giadortisti che non fossero stati ancora informati: da qualche giorno ci trovate più semplicemente su Giadorto.it :-) . Il vecchio indirizzo comunque continuerà a funzionare per un bel pò…

Orto A Primavera Con CenereMa entriamo nel vivo degli argomenti che ci interessano. Sono settimane che dimentico di darvi questo consiglio…mannaggia: vi devo parlare sempre di tante cose e qualcuna ogni tanto mi sfugge!!!! Allora, per chi di voi ha in casa un camino o una stufa a legna, non dimenticate di mettetere da parte la cenere della legna per la primavera. Ve ne ho parlato in uno dei primi post del giadorto (per i più curiosi è qui): la cenere allontana le lumache. Con essa quindi potete fare delle barriere per proteggere i vostri ortaggi (soprattutto quelli appena trapiantati) dalle “infestantissime” lumache. Ve ne servirà un bel pò, perché la cenere, essendo naturale, non è “potente” come la “lumachite” che trovate in commercio (che invece dura 15gg); alla prima pioggia quindi dovrete riaggiungerla. Io inoltre a primavera (e comunque quando preparo il terreno) la uso perché, oltre ad essere sgradita alle lumache, aiuta a  rimineralizzare il terreno. Vi è mai capitato, girando nei campi, di vedere gli agricoltori bruciare i loro campi, per poi arare il terreno? Se non vi spiegavate il motivo, eccone il perché. Io sto raccogliendo tutta la cenere che produco in un bustone bello capiente…se poi vedete che vi avanza (ma non credo proprio) siete sempre in tempo ad inserirla nel composter. Ricordate che la cenere di legna è un prodotto naturale, e reimmetterla nel terreno è conforme al ciclo naturale. L’agricoltura biologica la usa tranquillamente…

Che altro dire? Purtroppo questo periodo così piovoso e freddo non aiuta, e soprattutto non invoglia a stare fuori ad occuparsi dell’orto…Ma non appena il tempo migliorerà vi raccomando di continuare con le potature dei frutti, degli alberi e delle siepi sempreverdi. Appena possibile potete anche cominciare a zappettare e rincalzare i vostri orti e terreni, e se volete potete anche mischiare un pò di cenere alla terra (aggiungendone poca per volta), anche se nell’orto avete ortaggi: male non gli farà ;-) .

Continuate col dare medicamenti, se necessario, alle piante e ai fiori ammalati, e appena il freddo intenso smetterà potrete ricominciare con le concimazioni e con i tagli. Io inoltre sono alla ricerca di tante nuove piante per accrescere ancora di più la famiglia del giadorto e magari anche per voi può essere l’occasione per dare nuova vita e nuovi colori ai vosti orti e ai vostri giardini.

Nel frattempo vi avevo promesso tante ricettine con gli agrumi, che in questo periodo riempiono di frutti il giadorto (e spero anche i vostri orti), ed eccole di seguito….in attesa di settimane più divertenti, vi saluto e vi dò appuntamento alla prossima amici miei…

Con la ricetta delle arance candite (che vi ho dato nel post della scorsa settimana) ho provato a fare anche il cedro candito, facendolo però seccare all’aria su carta forno per qualche giorno; ebbene è venuto squisito…quindi se avete cedri da smaltire, vi consiglio sicuramente di candirne un pò…io, oltre a mangiarmeli così, ne sto facendo in più per metterli da parte per la pastiera a Pasqua….Meglio giocare d’anticipo… :-)

Mi sono ricordata che una mia amica calabrese mi aveva parlato dei cedri e diceva che da loro se ne fa una semplice ma squisita insalata…

Insalata Di CedroCedro in insalata

Ingredienti: 1 cedro, olio e.v.o., sale e pepe.

Procedimento: Lavate i cedri, e cercate di tagliarli il più finemente possibile (tagliate la scorza, la parte bianca interna e la polpa) con la mandolina (il segreto è tagliarli molto finemente); quindi conditeli con del buon olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Vi consiglio di provarli. Se non avete la pianta, oggi i cedri si trovano tranquillamente in ogni supermercato,

Insieme all’insalata di cedro, l’altra sera ho preparato dei filetti di salmone al lime…

Salmone Al LimeFiletti di salmone al lime

Ingredienti: 2 filetti di salmone (1-2 a persona), 2-3 lime a seconda della grandezza, vino q.b., olio, sale, pepe rosa (se ne avete, se no va bene quello che avete in casa), prezzemolo q.b..

Procedimento: Lavate e grattate la scorza ai lime e mettetela da parte. Mettete poi i filetti di salmone a marinarsi col succo dei lime e con del vino bianco, almeno mezz’ora prima. Trascorso il tempo adagiate i filetti di salmone in una teglia, foderata con la carta da forno, condite con olio e sale e cuoceteli per pochi minuti (dipende dalla grandezza dei filetti) in forno caldo a 180°. Solo a fine cottura grattateci un pò di pepe, spezzettateci del prezzemolo e unitevi le scorze dei lime.

Dal giadorto alla tavola: speciale agrumi

Dal giadorto alla tavola: speciale agrumi

Cesto D' AgrumiOggi ho fatto un bel raccolto di agrumi!!! (come vedete nella foto del cestino, ci sono: limoni, lime, mandarini, arance ed il pomelo). D’inverno non ci possiamo proprio lamentare; forse avremo meno verdure (anche se sopperiamo bene con quelle surgelate e con le zucche), ma con glii agrumi che cominciano a maturare già da fine settembre – inizio ottobre siamo comunque a posto. Ogni anno sono sempre più convinta della mia scelta  di aver messo 14 agrumi lungo il perimetro del giadorto e non una “banalissima siepe”, come molti giardinieri mi avevano consigliato. E meno male che sono una testarda, e faccio di testa mia!!!

Allora: che ci faccio (mi direte voi) con il raccolto di oggi, e più in generale con tutti questi agrumi? Prima di tutto li mangio come normale frutta ;-) . Per buona parte dell’inverno, grazie prima ai mapo che maturano a fine settembre ed inizio ottobre, poi ai clementini e ai mandarini, e infine alle arance, non ho bisogno di comprare  frutta. Poi tutte le volte che posso li spremo: ne vengono degli ottimi succhi d’arancia, di clementini e mandarini. Quest’anno in particolare sto amando alla follia il succo di mandarino. Ma vorrei provare anche a farci un pò di marmellata, anche se mi sembra quasi uno spreco, visto la bontà dei nostri mandarini.

Inoltre gli agrumi si conservano dei mesi in frigo, sopratutto i limoni, i lime e i cedri. Li conservo quindi in frigo e li smaltisco nei mesi mano a mano che mi servono per le varie ricette. Comunque con un pò di limoni ci farò il limoncello, visto che dopo Natale sono rimasta senza scorte…!!! (per la ricette potete consultare il post speciale sui liquori qui).

I cedri sono veramente buonissimi da mangiare anche così; non so se lo sapete, ma il bianco non è affatto amaro come lo è negli altri agrumi, è buonissimo. Comunque potete anche candire le bucce se preferite. Di seguito, insieme alle altre ricette, vi dò quella per candire le arancie, ma lo stesso procedimento vale anche per tutti gli altri agrumi. Inoltre con i cedri potete fare dei buonissimi dolci ma anche un primo sfizioso… Mi sa che non ce la farò a darvi in questo post tutte le ricette di agrumi che faccio; comunque se non è in questo nei prossimi cercherò mano a mano di darvi le varie ricettine (effettivamente sono davvero troppe, considerando anche il fatto che ne cerco e ne sperimento sempre di nuove!).

Quest’anno poi le nostre pianticelle di lime si sono date davvero da fare. Credetemi: sono davvero buoni; somigliano al limone, ma hanno un aroma particolare che li contraddistingue.

Risotto All'AranciaRisotto all’arancia

Ingredienti: 200g di riso, 1-2 arance, olio e.v.o. q..b., 1 spicchio d’aglio, vino bianco q.b., pepe q.b., parmigiano, 1 noce di burro, 1 mazzetto di prezzemolo..

Procedimento: In una pentola abbastanza capiente fate rosolare l’aglio con l’olio. Nel frattempo lavate le arance gratteteci la scorza e strizzate il succo. A questo punto mettete a tostare il riso con l’aglio e l’olio per qualche minuto. Continuate la cottura del riso aggiungendo il vino, il succo delle arance e se dovesse servire aggiungete dell’acqua calda. Lavate e sminuzzate il prezzemolo. Continuate a girare il riso e a controllarne la cottura. Solo alla fine della cottura, aggiungete la noce di burro, il prezzemolo, il pepe, il parmigiano e le scorzette d’arancia.

Tacchino Al Lime Tacchino al lime

Ingredienti: 4 fette di petti di tacchino, farina q.b., olio e.v.o.,1 spicchio d’aglio, 4 lime.

Procedimento: Prendete una padella antiaderente abbastanza capiente da contenere le 4 fette di petto di tacchino. Infarinate il tacchino da entrambi i lati. Sul fondo della padella riscaldate qualche cucchiaio d’olio con lo spicchio d’aglio; a questo punto aggiungete il tacchino e fatelo rosolare per qualche minuto da entrambi i lati. Nel frattempo lavate e grattate le bucce del lime e tenetele da parte. Appena il tacchino è ben dorato irroratelo del succo dei lime e fatelo cuocere ancora per qualche minuto in modo che il succo evapori in buonaparte. Servitelo subito e decorate le varie fette con le bucce del lime.

Insalata Di Radicchio Arancia E Semi Di SesamoInsalata di radicchio, arance e semi di sesamo

Ingredienti: 2 cestini di radicchio rosso trevigiano, semi di sesamo q.b., 1 arancia, sale q.b., olio  e.v.o. q.b., aceto di mele q.b..

Procedimento: lavate, asciugate e tagliate il radicchio e mettetelo in una insalatiera abbastanza capiente. Pelate a vivo un arancia e tagliatela a fettine sottili. Infine mischiate, tutti gli ingredienti: il radicchio, l’arancia, il sale, l’aceto di mele, l’olio, e il sesamo (se preferite potete anche tostare il sesamo a parte in una padella).

Vi lascio di seguito il procedimento per candire in generale le varie scorze degli agrumi (non solo quelle delle arance). Poi potrete consumarle così o usarle per fare altri dolci. Le scorze si conservano bene sia in frigo, sia surgelate.

CanditiScorze d’arancia candite

Ingredienti: scorze d’arancia, lo stesso peso delle scorze in zucchero, acqua q.b..

Procedimento: Lasciate le scorze degli agrumi da candire per tre giorni a mollo in acqua, cambiando spesso l’acqua per far andar via l’eventuale amaro della parte bianca della scorza. A questo punto sciaquate bene le scorze sotto l’acqua, ponetele poi in un pentolino abbastanza capiente e fatele bollire in abbondante acqua. Le scorze dovranno cuocersi e risultare morbide, quindi consiglio, a seconda della grandezza, di cuocerle almeno 10-15 minuti dopo la presa del bollore.

Dopo che si sono lessate, fatele freddare, ed a questo punto se volete potete tagliarle come più vi piace (ad esempio a dadini o a striscioline) o potete lasciarle intere se preferite. Quindi pesate le scorze, mettetele in un pentolino e aggiungete il peso equivalente delle scorze in zucchero. Aggiungete poi qualche cucchiaiata di acqua ed andate a candire le scorze sul fuoco. State attenti che lo zucchero non caramelli (quindi il fuoco deve essere vivace ma non troppo) e continuate a girare le scorze facendo attenzione a non romperle. Le scorze vanno fatte bollire per qualche minuto dopo che lo zucchero si è ben sciolto. A questo punto le scorze sono pronte: vanno lasciate nello zucchero sciolto, e vanno travasate in barattoli di vetro da conservare in frigo o in freezer. Le scorze così candite sono buone sia da mangiare così, che da usare come base per i dolci.

Anche per oggi direi che è tutto…alla prossima!!!

Buon anno (e buon orto) a tutti!!!

Buon anno (e buon orto) a tutti!!!

E rieccoci qua, miei cari amici…avete fatto buone vacanze? vi siete riposati? siete carichi per ricominciare? spero proprio di si…anche se le vacanze durano sempre troppo poco!!!

Ibisco Gigante RossoAllora ricominciamo a darci da fare nei nostri giardini e balconi…io ho cominciato da lunedì con ben 4 ore di giardinaggio intenso a rastrellare le foglie, toglierle dalle aiuole, potare qua e là le varie piante, e togliere quelle che sono morte per il freddo. Prima di tutto ho potato gli ibischi (vi ricordate il loro bellissimo fiore gigante, come quello della foto a sinistra?), togliendo i rami morti; per fortuna la pianta ributterà dalla base a primavera. Poi purtroppo ho tagliato quasi tutte le melanzane che erano gelate; chissà se qualcuna di loro ributterà, ma non ci spero molto. Non so se per il freddo o per qualche pipì di Giotto (ricordate il mio bassottino?) o di qualche gatto del quartiere, ma ho dovuto togliere molti ciclamini e pansé che erano morti…d’altronde siamo stati lontano da casa per una settimana e quindi bisognava aspettarselo.

Nei prossimi giorni dovrò pareggiare un pò il prato (cresciuto più in alcuni punti e meno in altri) tagliandolo almeno col tagliabordi;  nelle prossime settimane e mesi (gennaio-febbraio), se il tempo ce lo concederà, ricominceremo a fare il lavoro di risemina del prato e di concimazione (quest’anno dobbiamo arrivare prontissimi alla primavera).

Nell’orto invece è nata la rucola che avevo ripiantato e le insalatine stanno continuando a crescere lentamente, sopratutto quelle sotto le serrette; così crescono anche le puntarelle, la cicoria e qualche cavoletto….

Invece (tragedia) quest’anno, coi pochi giorni di freddo di dicembre, sono morte quasi tutte le piante di basilico che avevo protetto al caldo nel patio… che noia: di solito ci arrivo quasi fino alla primavera, quando poi risemino quello nuovo; ero troppo abituata ad avere le mie fogliette di basilico fresco tutto l’anno :-( . E’ proprio vero, il giardino e  l’orto, stupiscono sempre, nel bene e nel male…è una lotta ed un impegno continuo…ed ogni volta una stagione sarà diversa dall’altra, ma poi quando le cose ti vengono, che sia un ortaggio o un fiore, la soddisfazione è infinita….

Nelle prossime settimane potremo iniziare a riseminare nei vasi le zucche e zucchine (tempo meteorologico permettendo), naturalmente proteggendole accuratamente, altrimenti o non nascono o gelano; di solito io le semino e le metto al calduccio, protette nel patio, da fine gennaio o primi di febbraio in poi, per poterle poi mettere in piena terra da marzo. Quindi mi raccomando, tutti pronti, che anche quest’anno ci saranno sicuramente zucche in più da adottare; volete adottare una zucca? fatemelo sapere, soprattutto per voi amici romani: pensateci!

Ah! mi stanno nascendo anche tutti i bulbi che ho messo negli anni passati e continuano ogni anno a riuscire, come i giacinti e gli iris nani. Mi sa che nelle prossime settimane ne compro e ne aggiungo degli altri…sono così carini…poi mi sembra che facciano primavera; è come se mi stessero dicendo “ancora qualche settimana di freddo e poi tutto ricomincerà”…

Clementini Con Foglie MalateMa torniamo a noi: mi raccomando, continuate per tutto gennaio e febbraio con le potature degli alberi caduchi e con tutti i frutti; a me è rimasta “solo” la potatura della quercia. Si fa per dire, perché in realtà è la potatura più dura e difficile da fare nel giadorto. Continuate anche con le potature degli agrumi, se necessarie. Inoltre adesso, mano a mano che gli agrumi saranno liberi dai frutti, se ne avete necessità è l’unico periodo dell’anno in cui potete dare dei trattamenti fogliari per i parassiti più forti (io per esempio dovrò darlo al clementino le cui foglie come vedete nella foto a destra sono malate), visto che gli alberi non hanno ancora i frutti e visto che non sono ancora fioriti. Fanno eccezione quelli che fioriscono e fruttificano sempre, come il limone lunario, al quale consiglio di dare tutto l’anno solo i soliti 2 cucchiaini di sapone di Marsiglia e 1 cucchiaino di olio di semi, sciolti in 2 litri d’acqua, da ripetere anche settimanalmente all’occorrenza.

Agli altri alberi da frutto, prima della ripresa vegetativa, consiglio di dare un pò di rame almeno un paio di volte in questi mesi (gennaio e febbraio), soprattutto ai peschi, ai susini e  ai meli, quelli più delicati.

Altro consiglio: i prossimi mesi sono anche quelli per mettere a dimora nuovi frutti e nuove piante, quindi pensate bene quale angolo di giardino può essere riempito ulteriormente, e quali nuovi fiori, alberi e frutti potrebbero essere posizionati nuovamente… Io per esempio vorrei avere altri alberi di agrumi nel mio giardino e stavo  pensando di posizionarne altri 2 ai lati del pergolato, ma il giadorto è veramente già strapieno di roba…quindi non so se lo farò, ma invito tutti voi, se potete, a riempire i vostri giardini e terrazzi con alberi, frutti, e fiori.

Per oggi, ricettina a parte, penso proprio sia tutto. Alla prossima.


Pizza Con ScarolaPizza ripiena di scarola, olive e capperi alla napoletana.

Ingredienti: Per la pasta di pizza: 300g di farina, 1 cucchiaino di sale, olio q.b., 150ml di acqua calda, 2 cucchiai di lievito naturale granulato, 1 cucchiaino di zucchero (se non volete fare la pasta della pizza, potete comperare 2 rotoli di quella già pronta). Per il ripieno: 2-3 cestini di insalata scarola, capperi sotto sale q.b., olive nere di Gaeta q.b., olio e.v.o. q.b., 1 spicchio d’aglio,  2 filetti d’acciuga, vino bianco q.b.

Procedimento: Per la pasta di pizza: attivate i 2 cucchiani di lievito naturale mischiandoli ai 150ml di acqua calda e al cucchiaino di zucchero. Dopo qualche minuto, mischiate l’acqua col lievito, la farina, il sale e l’olio, e lavorate il tutto velocemente. Quando l’impasto risulta ben liscio, disponetelo per un’ora e mezzo a lievitare nel forno spento a luce accesa (così resta al caldo intorno ai 30°). Se non volete fare questo passaggio, come vi ho già detto potete comprare l’impasto della pizza già pronto.

Per il ripieno lavate l’insalata scarola; prendete poi una pentola abbastanza capiente, mettete lo spicchio d’aglio e il filo d’oro a soffriggere; appena imbiondisce, buttatevi la scarola e mettetela a cuocere lentamente, aggiungendo poi le acciughe sminuzzate, le olive ed i capperi. Se volete, potete far cuocere la scarola anche con un pò di vino bianco; altrimenti se necessario potete aggiungere dell’acqua.,;

Una volta che l’impasto di pizza è lievitato, dividetelo e stendetelo in 2 “dischi” aiutandovi con il mattarello. Ungete ed infarinate una teglia tonda alta da “torta”;  posizionate il primo disco di pizza sul fondo, poi posizionatevi il ripieno di scarola e chiudete la torta con il secondo “disco” di pasta per pizza. Infine cuocete la torta in forno a 180°-200° per mezz’ora.