Category Archives: pacciamatura

Luglio: la produzione dell’orto estivo entra nel vivo

Luglio: la produzione dell’orto estivo entra nel vivo

PomodoriMelanzanaCiao a tutti. Siamo arrivati a luglio ed il nostro lavoro nell’orto dei mesi scorsi viene finalmente premiato! Purtroppo con il tempo un pò balordo di quest’anno, siamo un pò in ritardo con le produzioni! Iniziamo comunque a raccogliere le nostre verdurine estive: nel Giadorto, oltre alle insalatine che ci hanno fatto compagnia per gran parte dell’anno, e agli ultimi baccelli e carciofi ritardatari, iniziano finalmente le zucchine ed i fiori, ed il grande momento per pomodori, cetrioli, peperoni e melanzane!

CetrioloFiore Di ZuccaMi raccomando; con l’arrivo dei primi caldi, pacciamate, pacciamate, pacciamate! Come vi ho già detto in altri post, è importante non lasciare mai la terra nuda. Sopratutto d’estate, è importante ricoprire la terra con della pacciamatura organica, che sia fatta di paglia, sfalci di prato, foglie o altro materiale organico. Risparmierete così acqua per l’innaffiamento e contemporaneamente il terreno resterà morbido perchè la pacciamatura, che mantiene umidità, non lo farà compattare. Inoltre, mano a mano che si decomporrà, la pacciamatura farà anche da concime alle nostre orticole. Come vedete nella foto delle piante di melanzane sotto, sia la pacciamatura con l’erba e gli scarti organici, che quella con le cortecce di pino stanno andando benissimo e le piante stanno venendo proprio bene :-) !

Piante D iMelanzane Con PacciamaturaCon il caldo naturalmente le nostre orticole iniziano a crescere esponenzialmente ogni giorno, sopratutto le cucurbitacee (come i cetrioli, le zucche e le zucchine) e spesso dovremo andarle a legare. Lo sapete: le mie zucche arrivano a crescere anche 50 cm al giorno e quindi, man mano che crescono,  le legherò con la rafia naturale. Quest’ultima ha il vantaggio di non dare problemi nello smantellamento dell’orto estivo; infatti può essere compostata, come le piante, al contrario dei classici “leghini in plastica”, che devono essere rimossi uno per uno prima di togliere le piante a fine stagione. Anche quest’anno, con questo sistema, sto creando la mia pergola di zucche e non vedo l’ora che le piante arrivino a coprire tutto il pergolato.

In questi giorni poi, ho rilegato tutti i pomodori stallandoli e legandoli come vi ho spiegato l’anno scorso in questo video. E poi anche le melanzane avevano bisogno di una “stallatina” e “legatina”. Lo sapete: per fortuna o sfortuna, (dipende dai punti di vista) fare l’orto non è solo preparare il terreno e metter le piantine a dimora; ma è anche e sopratutto fare una buona manutenzione. Bisogna stare dietro ad ogni pianta, guardarla nella crescita, legarla e tagliarla, se necessario, nei getti laterali, dare acqua sempre, aumentare il dosaggio nei giorni più caldi, dare ulteriori concimi, se necessario, o macerati, o altro a seconda delle piante.

Adesso che si avvicina il periodo delle vacanze, vi consiglio inoltre di dare l’acqua complessata alle piante da interno prima di partire: quella che uso io si chiama “Irrigò” (la produce la Guaber), e funziona bene perché è un gel che resta sul terreno e viene assorbito lentamente ed in modo regolare dalle piante durante la vostra assenza. Addirittura, il periodo di non annaffiamento, secondo le dosi, può arrivare a un mese.

I primi raccolti sono ovviamente una occasione ghiotta per preparare tante ricettine vecchie e nuove. Coi primi zucchini e fiori, ad esempio, abbiamo cucinato uno spaghettino alla carbonara vegetariana da leccarsi i baffi :-) . Se non ricordate la ricetta, la trovate in questo post di due anni fa. E poi vi volevo dare delle ricettine nuove, ma sempre molto semplici come piacciono a noi. Una l’ho preparata con la prima melanzanina: è una pasta buonissima fatta con pesce spada, melanzane, pomodorini e basilico. L’abbiamo assaggiata a Lampedusa l’anno scorso…e come sapete quando una ricetta ci piace la facciamo nostra e la rifacciamo spesso, perchè per noi un viaggio non è solo la scoperta di posti nuovi è anche fatto di nuovi sapori e odori…che ci resteranno nel cuore!

Ed ecco qua:

Spaghetti Alla LampedusanaSpaghetti alla Lampedusana: melanzane, pesce spada e pomodorini

Ingredienti: 180g di pasta lunga tipo spaghetti, olio e.v.o. q.b., 1 spicchio d’aglio, 1 melanzana, un pezzo di pesce spada (io ho messo 1/4 di una fetta grande), una decina di pomodorini, qualche fogliolina di basilico, vino bianco per sfumare.

Procedimento: Inizio col mettere l’acqua a bollire per cuocere la pasta. Nella ricetta originale, le melanzane prima vengono fritte e poi aggiunte al sugo. Io invece le ho lavate tagliate a dadini, e poi le ho soffritte leggermente con l’aglio e l’olio, facendole un pò “abbrustolire”. Ho poi fatto a dadini anche il pesce spada, ed ho lavato e tagliato a pezzetti i pomodorini. Ho messo poi con le melanzane il pesce spada, e l’ho fatto cuocere per qualche minuto; infine ho aggiunto i pomodorini e ho sfumato il sugo con un pò di vino bianco. Pochi minuti ancora ed il sugo era pronto. Nel frattempo ho fatto cuocere gli spaghetti, ed infine ho mantecato a crudo la pasta, aggiungendo (se necessario) “un girino” d’olio, un pò di acqua di cottura della pasta ed il basilico.

Altra ricettina sfiziosa e super gustosa che ho fatto coi primi carciofi (che a causa del maltempo sono arrivati un pò in ritardo) è stato questo secondo piatto coi calamari (se volete potete usare anche i  totani):

Calamari Carciofi E PatateCalamari, carciofi e patate

Ingredienti: 500-600g di calamari puliti, 1 spicchio d’aglio, olio e.v.o. q.b., 4 carciofi, 2 patate, vino bianco q.b., qualche foglia di prezzemolo.

Procedimento: Ho tagliato prima i calamari a dadini a mio gusto, un pò grossolani. Poi ho lavato, pulito e tagliato anche i carciofi; infine ho lavato, sbucciato e fatto a tocchetti le patate. In una pentola abbastanza capiente, ho scaldato l’olio e l’aglio; non appena l’aglio si è imbiondito, ho aggiunto i calamari e li  ho fatti cuocere a fuoco vivo per qualche minuto; poi ho aggiunto le patate, il vino bianco e dopo qualche minuto anche i carciofi (se c’è poco liquido potete aggiungere ancora vino o acqua). Ho finito la cottura e solo all’ultimo, prima di servire, ho aggiunto il prezzemolo tritato.

Cosa seminare e piantare a maggio

Cosa seminare e piantare a maggio

ClematisBuongiorno amici. Nonostante la primavera a corrente alternata (che sta dando qualche piccolo dispiacere alle piantine di pomodoro del Giadorto), questo è un periodo di rinascita e crescita per molti dei frutti, delle verdure e dei fiori (come la Clematis nella foto) che renderanno piacevole la nostra estate. Oggi parliamo quindi di come aiutare le nostre piante ad approfittare al meglio di questo periodo per crescere forti e rigogliose.

Innanzi tutto, ora più che mai è il momento di preparare l’orto estivo (e se non avete ancora cominciato, è il momento di sbrigarsi). In particolare per chi sta al Nord, visto che le temperature si stanno alzando e non scendono più troppo durante la notte,  è il mese giusto per iniziare a mettere in piena terra orticole estive quali i pomodori, le insalatine, le melanzane, i peperoni, le zucche e le zucchine. Come abbiamo detto tante volte in passato, anche se avete il balcone potete fare dei piccoli orti in vaso, ed avere tante soddisfazioni: una pianta di pomodoro ad esempio, anche in un bel vaso (purchè capiente e sufficientemente profondo), può produrre veramente molti frutti, e lo stesso vale per melanzane, peperoni e insalate.

Nel Giadorto in questo momento ho le seguenti orticole (che in alcuni casi ho fatto nascere a partire dal seme e in altri ho piantato): pomodori, prezzemolo, aglio, cipolle, insalatine di vari tipi, patate, fave, piselli, fagiolini e rucola; chiaramente la maggior parte sono solo all’inizio della produzione: per poter mangiare le verdurine estive ci vorrà ancora un mese e mezzo o due. Inoltre ho diversi tipi di zucche e zucchine che ho seminato nei vasini: alcune le ho già messe a terra, ed altre devono ancora germogliare; contemporaneamente ho ancora qualche cicoria e puntarella dell’orto invernale, che sto centellinando nelle ultime gustose ricettine.

Pomodori Incannati 2014Per quanto riguarda i pomodori, nonostante il clima non sia ancora perfetto, in questi giorni ho provveduto ad incannarli. Vi ricordate come si faceva? Se avete bisogno di qualche dritta, potete dare una occhiata a questo post di un pò di tempo fa. Come vi ho detto altre volte, io uso le canne di bambù (non solo per i pomodori, ma anche per fagioli, fagiolini, cetrioli, ecc). Sono canne più robuste, costano un pò di più ma durano anche di più, ci vogliono diversi anni prima che si rompano e, se riuscite a riporle al coperto per l’inverno, vi dureranno ulteriormente. Se invece avete a disposizione le canne che nascono spontaneamente in molte parti d’Italia, usatele pure; vorrà dire che ogni anno le cambierete, ma d’altronde sono anche gratis. Per le legature tra le canne e tra le piante e la canna uso (come sempre) la rafia naturale: è molto carina, del tutto naturale e sopratutto biodegradabile, così non dovrete preoccuparvi dello smaltimento perché i residui si sfalderanno da soli (se capita io la metto addirittura nel compostaggio).

Come già vi avevo detto, quest’anno le file dei miei pomodori sono da tre, così ho deciso di fare una legatura dritta: cioè non incrocio le canne, ma le inserisco dritte nel terreno e poi le unisco in alto con altre canne in posizione orizzontale, creando una sorta di griglia, come vedete nelle foto.

Per quanto concerne il prato, oramai quello del Giadorto cresce quasi come in estate e lo devo tagliare una volta a settimana. Gli sfalci che produco andranno naturalmente a far parte della pacciamature delle orticole del’orto, creando un bello strato di copertura del terreno. La pacciamatura (come vi ho detto altre volte) mi farà consumare meno acqua di irrigazione, lasciando umido il terreno; e poi sfacendosi a mò di “compostaggio a cielo aperto” andrà a concimare tutte le mie piante da orto.

Prato Prima Della SeminaAnche quest’anno il mio prato è in molti punti poco folto ed in altri ha molti buchi; così ho deciso di iniziare a riseminarlo piano piano. Potete farlo o comprando del terriccio per prati già pronto, a cui andrete ad aggiungere i semi (ma vi costerà di più) o acquistando del buon terriccio universale (meglio se bio) a cui aggiungere i semi e della sabbia. Quest’ultimo metodo, anche se un pò laborioso, è quello che uso io: in particolare faccio un mix di terra semi e sabbia, aggiungo se voglio anche del concime, e poi vado a stendere il tutto sul terreno. Mi raccomando: bagnate molto spesso e non tagliate l’erba fino a che non vedete che il nuovo prato è abbastanza alto. Ci vorrà qualche settimana (dipende dalle temperature e dal clima) ma il risultato è garantito. Inoltre se non volete farvi “fregare” tutti i semi, o se volete semplicemente proteggere i punti seminati dai vostri animaletti domestici, potete stendervi del “tessuto non tessuto”. In queste due foto (che mostrano rispettivamente il prato subito dopo la semina e dopo un paio di settimane) potete vedere come in poco tempo (grazie anche alla pioggia dell’ultimo periodo) la parte in cui ho effettuato questa procedura si è rinfoltita quasi magicamente.Prato Dopo La Semina

Per balconi o vasi questo è anche il momento per rifare il gocciolatoio. Io ho preso il mio gocciolatoio degli anni passati e sono andata a rimontarlo molto pazientemente. E’ comodissimo, ed una volta montato non è più necessario annaffiare più i vasi; come per l’irrigazione dei giardini, fanno tutto da soli.

Prima di salutarvi, vi dò lo spunto per una ricetta sfiziosa a base di timo (in realtà io ho usato 3 tipi di timo diversi del Giadorto) e di un paio di altri golosi ingredienti  (la ricetta è per due persone).

Pici Al Filetto Di Tonno, Timo E Pesto Di PistacchiPici al filetto di tonno, timo e pesto di pistacchi

Ingredienti: 1 confezione di pasta tipo pici da 200-250g, un mazzetto di timo, 1 spicchio d’aglio, olio e.v.o. q.b., 1 filetto di tonno fresco, vino bianco q.b., sale, pepe, 2 manciate abbondanti di pistacchi, aglio (per il pesto se gradito).

Procedimento: in una pentola abbastanza capiente mettete a scaldare l’acqua per la pasta; nel frattempo in una padella grande (che userete anche per mantecare la pasta) mettete l’olio e lo spicchio d’aglio. Fate quindi il filetto di tonno a dadini, accendete il fuoco sotto la padella e fate rosolare l’aglio; non appena è imbiondito, aggiungete il tonno e fate rosolare bene girandolo per qualche minuto. Non appena è ben dorato aggiungete un pò di vino bianco e fate finire la cottura. Quando l’acqua per la pasta bolle, se state usando i pici come pasta, vi consiglio di buttarli subito perché hanno più di 20 minuti di cottura. Mentre cuoce la pasta, andate a sbucciare i pistacchi (se avete preso quelli con il guscio) e mettete 2 manciate nel minipimer; aggiungete dell’olio (ed aglio se  gradito) ed andate a frullare il tutto. Quando avete fatto la salsina, andatela ad unire al tonno, ed aggiustate il tutto di sale. Non appena la pasta sarà cotta, lasciandovi un pò di acqua di cottura, andatela a mantecare, aggiungendovi infine le fogline di timo.

Quest’anno facciamo l’orto sinergico?

Quest’anno facciamo l’orto sinergico?

Orto Sinergico Con PomodoriCiao amici. Questa settimana si passa all’azione: se tra un paio di mesi vogliamo mangiare verdurine fresche, sane e biologiche ogni giorno, questo il momento per darci da fare, sia che puntiamo a realizzare il classico orto in piena terra, sia che si tratti di piante sul balcone.

Nel Giadorto stiamo mangiando le ultime verdure dell’orto invernale e, visto che si è creato diverso spazio, ho iniziato a risistemare il terreno. Prima di tutto ho riposizionato le pietrine di delimitazione e sto riaggiungendo i sassolini nel passaggio centrale. In questi ultimi giorni, inoltre, ho rizzappettato un pò il terreno cercando di non smuoverlo troppo. Quest’anno, infatti, sto cercando di mettere in pratica la “filosofia dell’orto sinergico”, secondo la quale non si usa più la vanga e non si muovono le zolle, ma si tende a mantenere il terreno sempre integro e coperto dalla pacciamatura; questo perché nella agricoltura sinergica si crede nell’autofertilizzazione del terreno (cioè più lascio integro il terreno, anche non togliendo mai le radici delle piante, meglio è) . Si fa questo orto un pò sollevato su questi “bancali” (come si chiamano in gergo), ci si posizionano le piante, si ricopre il tutto con la pacciamatura, e si cerca di mantenere più integro possibile il terreno in attesa che le verdurine crescano (vi sembrerà strano, ma in effetti si chiama anche “tecnica del non fare”). A dirla tutta, il Giadorto è un pò biologico, un pò sinergico, e un pò biodinamico :-)

Pacciamatura Con CortecciaMa torniamo ai lavori di questi giorni. Io ho prima risistemato gli spazi: come vi dicevo ho riposizionato le pietrine del passetto centrale e ve ne sto aggiungendo altre. Poi ho smosso un pò il terreno, il minimo indispensabile per creare la mia aiuola sollevata per fare l’orto sinergico. Ho iniziato quindi a rifare le aiuole dell’orto, svuotandovi la compostiera col suo bel terriccio (magari ne avessi di più: questa super terra ricca di elementi è sempre troppo poca!). Una volta posizionato un bello strato di compostaggio, ho aggiunto uno strato di buona terra, ed infine la corteccia di pino, che quest’anno proverò ad usare per la pacciamatura, visto che non ho mai una quantità sufficiente di sfalci di prato (potete vedere la pacciamatura di corteccia nella foto qui a fianco). Nelle ultime estati, infatti, ha fatto veramente caldo e con 40° se non c’è un bello strato di pacciamatura che le protegge, le piante soffrono troppo. Farò delle prove usando in parte la pacciamatura di corteccia, e in parte quella di sfalci di prato e poi vi farò sapere cosa è meglio! Pensavate fosse semplice e fosse sempre uguale fare l’orto? Invece non si finisce mai di sperimentare e studiare!

Naturalmente dopo aver preparato le aiuole, non resta che mettere in terra le nostre piantine; innanzi tutto ne ho riposizionate alcune, come il prezzemolo classico e quello riccio; poi ho piantato delle cipolline e l’aglio rosso: queste sono tutte “piante funzionali” che ci serviranno per tenere lontani gli ospiti indesiderati (anche il prezzemolo, come pianta aromatica, serve a questo scopo). Nell’orto sinergico, ma già nell’agricoltura biologica, si usa molto consociare le piante (come vi avevo già raccontato l’anno scorso nel post sulle consociazioni che trovate qui): cerchiamo di fare in modo che le piante si diano una mano l’una con l’altra. Inoltre ho messo varie insalatine: radicchio, canasta e puntarelle, in modo da avere sempre insalate pronte da mangiare a distanza di poche settimane nei prossimi mesi. Allo stesso modo nella parte dell’orto, non pacciamata con le corteccie, ho iniziato a mettere altre insalatine, pomodori e fiorellini protettivi come la calendula e (come vedete nella foto iniziale) manca solo ricoprire il tutto con la pacciamatura di sfalci del prato. Mi raccomando: dobbiamo essere bravi a mettere poco di tutto (sopratutto per chi come noi ha dei piccoli orticelli domestici) e dobbiamo mettere le piante poco per volta a distanza di settimane, se no avremo troppi prodotti tutti insieme! Almeno per certe verdure possiamo evitare l’accavallamento; per altre sappiamo che è impossibile, come quando entriamo in produzione coi pomodori e con le zucchine ed i fiori: ne avremo tantissimi per un certo numero di settimane o mesi, dopo di che la produzione calerà e finirà.

Un’altra attività interessante di queste settimane di cui volevo parlarvi (se già non lo sapete fare o se ancora non lo avete fatto) è la semina di zucche e zucchine. Più in generale vi volevo spiegare come seminare le orticole nei vasini. Potete seminare i semi direttamente in terra ma io preferisco seminare i semi prima nei vasi e poi travasare le piantine in terra. In questo modo riusciamo ad evitare che le piantine soffrano per sbalzi gli termici tra il giorno e la notte, che sono ancora possibili in questo periodo, e guadagniamo un pò di tempo, perché non siamo costretti ad aspettare che il clima sia più mite. Per spiegarvi meglio come fare, ho deciso di fare un piccolo video. Spero che via sia utile, e spero di essere stata abbastanza chiara.

E infine ecco una ricettina con la penultima zucca della scorsa estate e la rucola prodotta in gran quantità dal Giadorto in questo periodo.

Mafalde Con Crema Di Zucca, Rucola E PistacchiMafalde alla crema di zucca e rucola con pistacchi

Ingredienti: 200g di mafalde, un mazzetto di rucola, un mazzetto di prezzemolo, 1 alice sott’olio, 1 manciata di pistacchi, 300 g di zucca, sale, pepe, olio e.v.o. q.b., 1 spicchio d’aglio, parmigiano q.b..

Procedimento: Lavate la zucca e fatela a dadini, mettetela in un tegame con lo spicchio d’aglio e l’olio, e fatela cuocere a fuoco vivo per qualche minuto. Poi abbassate la fiamma, aggiungete dell’acqua se necessario, e finite la cottura. Nel frattempo, lavate il mazzetto di rucola e quello di prezzemolo e metteteli nel minipimer con un pò d’olio e l’alice, e frullate il tutto. Quindi mettete sul fuoco l’acqua per cuocere le mafalde  e, non appena la zucca sarà pronta, frullate anche lei, lasciandone da parte qualche quadratino per la decorazione del piatto. Amalgamate quindi il tutto: la rucola, il prezzemolo e la zucca, aggiungete il parmigiano grattugiato ed aggiustate di sale e pepe. Non appena l’acqua bolle, buttate le mafalde e cuocetele al dente. Nel frattempo sbucciate una manciata di pistacchi e sminuzzateli. Una volta cotta  la pasta,conditela col la crema di zucca e rucola, mantecatela ed all’ultimo aggiungete i pistacchi.

Prepariamo orto, prato e piante per la rinascita primaverile

Prepariamo orto, prato e piante per la rinascita primaverile

Pesco Nano FioritoBuongiorno a tutti. Finalmente anche marzo è arrivato e manca veramente pochissimo alla primavera! Anzi, qui a Roma molte piante si stanno già svegliando, nonostante il clima faccia ancora i capricci, con pioggia e vento che tornano ad ondate ad infastidirci! Ma veniamo a noi: innanzi tutto è il momento di occuparci delle piante da frutto (quali ad esempio albicocchi, peschi, meli, ecc.). Prima che inizino a germogliare, diamo loro un pò di rame (quello consentito in agricoltura bio sarebbe meglio). Nel Giadorto l’ho dato già più di una settimana fa, perchè ho visto che i miei peschi nani avevano delle grosse gemme pronte a fiorire (ed infatti se li vedete nella foto di oggi capite che mi sono dovuta sbrigare). I trattamenti infatti, anche se biologici, devono essere dati prima o dopo le fioriture, per non danneggiare sia le piante che gli insetti impollinatori (come l’apina della foto sotto). Ho dato il rame anche agli agrumi, perchè ho visto che avevano un pò di fumaggine, ed ho approfittato per aggiungere un pò di olio (sempre bio) contro le cocciniglie e gli altri insetti. Questo trattamento in particolare lo sto continuando a dare una volta a settimana agli agrumi perchè mi sembrano sempre un pò malaticci (e continuerò a darlo per almeno 3 settimane). Poi come sempre lo interromperò quando cominceranno le fioriture per ricominciare dopo, se le piante saranno ancora messe male. Questo è anche il momento di dare il concime agli agrumi: vanno bene tutti, sia quelli liquidi da sciogliere nell’acqua di innaffiamento, che quelli “solidi”; anche i semplici lupini macinati andranno benissimo.Fiore Di Pesco Ed Ape

Passiamo al prato. Ho appena fatto il primo taglio della stagione e, se il tempo continua a migliorare, potrò iniziare a concimarlo e a seminarlo. In particolare farò come l’anno scorso: andrò ad aggiungere terra e semi nei punti spogli. (in particolare esistono dei semi fatti appositamente per rinfoltire il prato). Purtroppo quest’anno, con il clima pazzerello e con gli allagamenti che ci sono stati anche a Roma, il prato del Giadorto è molto provato. Ma, come sapete, non mi dò mai per vinta.

E’ anche il momento giusto per risistemare le aiule nei nostri giardini. Se avete qualche pianta troppo cresciuta, questi sono gli ultimi giorni per potarla o ricollocarla. Io ho iniziato anche a concimare le piante da fiore (i gerani, la gardenia, le ortensie, ecc.) ed ho iniziato ad aggiungere il lapillo come pacciamatura nei settori del giardino dove era già presente e a metterlo in quelli dove non c’era. Questo mi consentirà di risparmiare tanta acqua d’irrigazione durante l’estate.

Inoltre è il momento di cambiare i vasi alle piante, se lo necessitano. Io ad esempio ogni 2 anni cambio il vaso al ficus, che cresce talmente tanto da starci stretto. E’ anche il momento giusto per cambiare i vasi delle piante d’appartamento e per concimare tutte le piante. Lo sapete già, perchè oramai siete diventati bravissimi, ma i momenti di lavoro intenso per le piante sono l’autunno e la primavera. Solo in questi due periodi dell’anno possiamo fare le grandi manovre, mentre dobbiamo fermarci quando è troppo caldo e quando è troppo freddo.

Ultime Verdure Nell'Orto InvernaleMa arriviamo al cuore delle nostre passioni: è ora di cominciare a pensare seriamente all’orto estivo…e vai con pomodori, zucche e zucchine!!! Quest’anno mi sto dando un gran da fare. Ho trovato anche dei nuovi semi per nuovi tipi di zucche, di cui, come sapete, sono particolarmente appassionata..:-) In questi giorni inoltre sto risistemando le aiule dell’orto, sto mangiando le verdure dell’orto invernale (come vedete nella foto ce ne ho di belle verdurine da mangiare:-)) e non appena avrò creato lo spazio, potrò ricomincare con le verdure di stagione!!! Intanto se volete, potete anticiparvi piantando nei vasini i semi di fave, piselli, zucche, zucchine, ecc. E se non sapete come fare, non preoccupatevi: ci sarà una sezione apposita nel prossimo post.

Per oggi è tutto, ricettine a parte. Vi lascio come sempre un pò di ricettine fatte con le verdure del mio orticello: 2 primi un pò particolari (che in realtà possono essere anche considerate dei piatti unici) e naturalmente non posso che lasciarvi con un pò di dolce in bocca…:-)

Crema Di Ceci Con Gamberetti e BroccoliCrema di ceci, con gamberetti e broccoli

Ingredienti: 1 bustina di ceci secchi, 200 g di gamberi freschi (o surgelati), 1 broccolo, sale q.b., pepe q.b., olio e.v.o., 2 spicchi d’aglio, 1 rametto di salvia.

Procedimento: La sera prima mettete a bagno i ceci in acqua fredda con un cucchiaino di bicarbonato. Il giorno dopo sciaquate i ceci e metteteli a cuocere con un rametto di salvia e uno spicchio d’aglio. Una volta cotti i ceci, scolateli, lasciando da parte un pò di acqua di cottura se dovesse servirvi, e togliete l’aglio e la salvia. Con il minipimer, andate a passare i ceci facendo una crema. A parte, lavate, pulite, e fate a mazzetti il broccolo; lessatelo per pochi minuti in acqua bollente salata, scolatelo e mettetelo da parte. Lessate inoltre in acqua calda anche i gamberetti per pochi minuti, se usate quelli surgelati; se invece usate quelli freschi, li potrete ripassare direttamente in padella per pochi minuti  coi broccoli, facendo un soffritto di aglio e olio. Infine dopo aver rosolato bene in padella i broccoli con i gamberi, mischiateli alla crema di ceci, lasciando un pò di gamberetti e qualche broccolo per la decorazione. Aggiustate di sale il piatto, aggiungendo un pò di pepe se gradito, ed impiattate la crema disponendo sopra i broccoli ed i gamberetti. In questo caso la crema l’ho lasciata più compatta, ma se preferite aggiungete più acqua di cottura dei ceci e fatela più morbida.

Crema di finocchi e salmone

Ingredienti: 500g di finocchi, 1 bustina di salmone affumicato, 1 cartoccio di panna, vino bianco q.b.,sale, pepe, olio e.v.o.

Procedimento: Lavate i finocchi e tagliateli a fette sottili. Rosolateli in un pò d’olio, aggiungete il vino bianco, e fateli cuocere, per qualche minuto finchè risultano morbidi (se necessario potete anche aggiungere dell’acqua calda). Una volta cotti, frullateli col minipimer. Andate poi ad aggiungere la panna e fate cuocere la crema ancora qualche minuto. Infine aggiungete il salmone fatto a pezzetti ed andate ad aggiustare la crema di sale e pepe (lasciate qualche pezzetto di salmone a parte per decorare i piatti). Andate a distribuire la crema nei piatti mettendo su ognuno un pò di salmone ed una spolverata di pepe.

Muffin All'AranciaMuffin all’arancia

Ingredienti: 250g farina (150g farina di riso, 50g fecola di patate, 50g amido di mais), 1 arancia (scorza e succo), 200 g di zucchero di canna, 2 uova, 1/2 bustina di lievito, 70 ml di olio di semi di girasole, zenzero q.b., cannella q.b..

Procedimento: Mischiate le farine in una ciotola, (io sto facendo un pò di ricettine celiaco-compatiili, ma voi potete usare anche la farina normale se preferite). Unite lo zucchero, il lievito, la cannella, lo zenzero e la scorza d’arancia (per intenderci tutti gli ingredienti “solidi”) e successivamente anche i liquidi: le uova, l’olio, ed il succo d’arancia. Amalgamate bene tutti gli ingredienti, anche aiutandovi con le fruste elettriche se volete. Infine imburrate ed infarinate gli stampini da muffin e distribuite il composto nei vari stampini. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 20-30 minuti.

Plumcake Agli Agrumi E Gocce Di CioccolatoPlum-cake agli agrumi e gocce di cioccolato fondente

Ingredienti: 200g di farina di riso, 100g di fecola di patate, 150g di zucchero, 3 uova, 1 limone (la scorza), 1 arancia (la scorza ed il succo), una tazzina di olio di semi di girasole o di oliva, latte q.b., 1 bustina di lievito,1 pizzico di sale, 120g di gocce di cioccolato fondente.

Procedimento: Mischiate la farina, la fecola, lo zucchero, il lievito, la scorza di limone e arancia, e le gocce di cioccolato, il pizzico di sale. Continuate poi a lavorare l’impasto con un cucchiaio di legno aggiungendo le uova, l’olio, il succo d’arancia ed il latte. Ricoprite uno stampo da plum-cake con della carta da forno, versatevi il composto ed andate ad infornarlo per 35-40 min. a 180°

La cura dei pomodori

La cura dei pomodori

Ciao ragazzi, scusate l’assenza, talvolta veniamo travolti dalle tante cose da fare e purtroppo dobbiamo tralasciare con rammarico quelle che ci piacciono di più… :-(

Oggi parliamo di una delle principali orticole di questo periodo e della sua cura: la pianta dei pomodori. Molti inoltre mi hanno chiesto di spiegare meglio come si effettua la “stallatura” (pratica a cui ho accennato in altri post), e visto che non c’è modo migliore se non quello di farvi vedere dal vivo come si fa, in questo post provo a condividere il primo video tutorial.

Partiamo con le azioni principali per aiutare le vostre piantine di pomodoro a produrre tanti bei frutti: io che sono fissata col mio orticello, lego e stallo i pomodori ogni settimana; poi col caldo di questi giorni una bagnatina gli va data per forza (se non tutti i giorni, almeno a giorni alterni); infine se vedete che faticano a crescere potete dar loro del concime in granellini naturali (da spargere sul terreno circostante le piante) o liquido (da mettere nell’acqua dell’annaffiamento). In realtà vi confesso che quest’anno non sto dando loro nulla; se vi ricordate, in inverno avevo rimineralizzato il terreno coi lupini e poi (verso l’inizio della primavera) vi avevo mischiato la cenere di legna prodotta dalla mia stufa. Adesso quindi mi sto limitando a mettere gli sfalci d’erba che produco ogni settimana quando taglio il prato, che (come vi ho detto nell’ultimo post) contribuiscono a concimare il terreno oltre che a tenerlo umido (con conseguente risparmio d’acqua).

Inoltre, come vi ho sempre consigliato, oltre che stallare i pomodori è buona pratica incannarli: riuscirete a coltivarli meglio. Qualcuno non lo fa (specialmente chi ha la fortuna di avere tanto terreno a disposizione) perchè, anche se le piante produrranno meno, c’è così tanto spazio che non ha importanza avere la massima resa; per chi ha un piccolo orticello domestico è bene invece sfruttare l’incannamento al meglio, avendo l’accortenza di mantenerlo settimana dopo settimana. Io in particolare tendo a fare un incannamento ad 8 piante, ma ci sono molti altri modi; se non ricordate come si fa, vi consiglio di dare una occhiata al post che avevo scritto in merito un pò di tempo fa e che trovate cliccando qui.

A proposito: oramai sono iniziati a maturare i pomodori. I primi, come sempre, sono stati i pomodori più piccoli; in particolare mi sono maturati i datterini e quelli a grappolo tondi. Ed adesso, mano a mano stanno maturando anche tutti gli altri. Li vedete nella foto: naturalmente una bella caprese con della buona mozzarella di bufala ed il nostro basilico non ce l’ha levata nessuno…. :-)

Primi Pomodori 2013

Unica delusione sono state le “razze” dei pomodori…Quest’anno avevo trovato dei bellissimi pomodori che dovevano essere “i neri di crimea”, ed invece purtroppo mi sembra siano dei normalissimi pomodori a grappolo… :-( E’ possibile che una volta che non mi semino la roba da sola rimango delusa? Già pregustavo questi bellissimi pomodori che avevo assaggiato qualche anno fa a Granada in Spagna (buonissimi tra l’altro)…ed invece niente…pazienza.

Oggi volevo lasciarvi inoltre due ricettine semplicissime  fatte coi nostri pomodorini…

Penne Zucchine E PomodoriniPenne zucchine, pomodorini e basilico viola

Ingredienti: 180-200g di pasta corta tipo penne, 1-2 zucchine, 1 manciata di pomodorini, vino bianco q.b., parmigiano q.b., olio e.v.o., 1 spicchio d’aglio, 1 mazzetto di basilico viola, peperoncino (se gradito).

Procedimento: Mettete a bollire l’acqua per la pasta; nel frattempo lavate e fate a rondelle sottili le zucchine. In una padella mettete a soffriggere l’aglio con l’olio, e  non appena l’aglio soffrigge buttatevi le zucchine; fatele cuocere così per qualche minuto, infine sfumatele con un pò di vino, e poi quasi a crudo aggiungete i pomodorini, che avrete precedentemente lavato e tagliato a metà. Infine buttate la pasta, cuocetela e scolatela al dente, e andate a mantecarla con un pò di acqua di cottura assieme ai pomodorini, alle zucchine ed al basilico viola. Per questa pasta io ho usato il parmigiano per la mantecatura, ma se volete potete usare altri tipi di formaggi: un pò di caciocavallo  o una provola, secondo me, non ci starebbero affatto male: a voi la scelta.

Altra ricetta che volevo lasciarvi è quella della feta fatta al forno, l’ho mangiata da poco in un ristorante greco e volevo riproporvela.

Feta E Pomodorini Al FornoFeta al forno con pomodorini e origano

Ingredienti: 1 fetta di feta (o fresca o confezionata), qualche pomodorino, olio e.v.o. q.b, erbette tipo origano e basilico, pepe.

Procedimento: Prendete una teglia da forno, stendeteci sopra un foglio di alluminio, mettete poco olio sul fondo ed adagiatevi la fetta di feta. Lavate e tagliate a pezzettini i pomodorini, metteteli sulla feta e condite il tutto con poco olio origano e basilico. Chiudete il cartoccio e fate sciogliere la feta nel forno già caldo a 180° per pochi minuti. Facile no?

Anche per oggi è tutto ciao ed alla prossima…

La cura dell’orto estivo

La cura dell’orto estivo

Ciao a tutti. Scusate l’attesa, ma i lavori di questo periodo (non solo nell’orto ma in tutta casa) mi hanno assorbito non poco.

Allora, in giardino ho finito di seminare tutto il prato: non so se ve l’avevo già detto, ma sta venendo bene; poi più si taglia più cresce e io ormai lo sto tagliando una volta a settimana. Ogni 15-20 giorni, poi,  lo sto concimando con dei buoni concimi, meglio se bio, sia per il cagnolotto che gira in giardino e sia perchè poi gli sfalci di prato li vado a distribuire nell’orto, quindi meglio prodotti tutti naturali.

Primi PomodoriNell’orto i pomodori sono stati tutti incannati ed ogni settimana (man mano che crescono) li sto legando e “stallando” (togliendo i rami ascellari). Inoltre li ho già zappettati più volte, distribuendo intorno alle piante e incorporando nel terreno gli avanzi della cenere di legna dell’inverno. Naturalmente ogni settimana, come vi dicevo prima, distribuisco intorno alle piante l’erba tagliata (la famosa “pacciamatura”), in modo da concimare ulteriormente i pomodori. Gli sfalci del prato inoltre, come altre volte abbiamo detto, se messi in un bello strato intorno alle piante oltre che concimare creano un ambiente umido che permette di risparmiare l’acqua delle innaffiature. E come vedete nella foto a sinistra cominciano ad arrivare le prime soddisfazioni ;-) .

Poi mi sono nate tutte le zucche e le zucchine che avevo seminato nei vasetti, ed in questi giorni le ho messe in piena terra: ora è solo questione di pazienza e di caldo per farle crescere. Anche i fagiolini in erba verdi, quelli viola e quelli rampicanti sono quasi tutti nati e li ho già messi in piena terra. Le patate, gli asparagi e i carciofi procedono bene. Anche melanzane e peperoni stanno crescendo velocemente: li ho già incannati ed ogni settimana, come per i pomodori, devo procedere alla legatura.

Fiori Delle FaveIntanto stiamo mangiando i primi “baccelli” (le fave per i non-toscani ;-) ), in piccole quantità naturalmente, perchè quest’anno non ne avevo messi molti. Guardate nella foto a destra che fiori buffi fanno prima di cominciare a produrre i baccelli. Anche le cipolline e le insalate messe in consociazione con le altre piante (le prime vicino alle fave e le seconde tra i pomodori) fanno ben sperare. Infine ho comprato il basilico foglia di lattuga e quello viola in vaso e messo in piena terra il basilico classico da pesto.

Purtroppo ho già finito tutta la cenere dell’inverno, ed anche le trappole alla birra contro le lumache con questo caldo non fanno un odore molto gradevole, quindi mi sono comprata l’antilumaca bio. Ho scoperto questa nuova linea tutta bio (“Natria”) che fa sia l’antilumaca che altri trattamenti fogliari per le piante da frutto: per ora la sto provando e mi sembra buona. Il prodotto fogliare da spruzzare sulle foglie è a base di polvere dell’albero di Neem, che sappiamo essere un buon insetticida. La sto provando sugli agrumi che col Bolla Del Pescocaldo sono pieni delle simpatiche “mosche bianche”, e sul ciliegio (che purtroppo ha qualche pidocchietto). Per i peschi, che in questo periodo sono affetti dalla “bolla del pesco” (nella foto vedete l’effetto di questo fungo sulle foglie), sto usando invece un fungicida, sempre biologico; sono alle prime applicazioni quindi vi farò sapere più in là.

Anche per oggi è tutto, vi volevo lasciare solo due ricettine semplici semplici, fatte coi prodotti invernali di fine stagione. L’altra sera ho fatto una frittatina con uno dei cesti di puntarelle che ho ancora nell’orto (ne ho ancora dieci cestini, devo anche sbrigarmi a mangiarli prima che passino e poi devo fare lo spazio per altri ortaggi estivi)…E poi con le arance del Giadorto, ho provato a fare una cosa un pò più estiva il sorbetto all’arancia e mi è venuto veramente buono, e sopratutto semplicissimo da fare…

Frittata di puntarelleFrittata di puntarelle

Ingredienti: 3-4-uova, 1 puntarella, 1 mazzetto di prezzemolo, parmigiano grattugiato q.b., 1 alice sott’olio, sale, pepe.

Procedimento: Lavate e fate a pezzetti abbastanza piccoli la puntarella. Sbollentatela per qualche minuto in acqua bollente salata per togliere un pò di amaro. Scolatela e fatela lievemente raffreddare. Lavate anche il mazzetto di prezzemolo e spezzettatelo in una ciotola abbastanza capiente; unitevi le uova, il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale, l’alice, il pepe (se gradito), e sbattete tutti gli ingredienti insieme. Infine aggiungete le puntarelle fatte raffreddare. Andate a cuocere la frittata in una padella antiaderente abbastanza capiente, con un filo d’olio. Rigiratela e servitela immediatamente.

Sorbetto All'AranciaSorbetto all’arancia

Ingredienti: 1/2 litro di acqua,1 limone, 300g di zucchero, 8 arance, 1 chiara d’uovo.

Procedimento: Per prima cosa spremete il limone e unitelo allo zucchero ed all’acqua in un pentolino; portate ad ebollizione il tutto e fatelo bollire per qualche minuto. Mentre questo sciroppo si fredda, lavate le arance, grattatene la scorza a 2-3, e spremetele tutte. Non appena lo sciroppo è quasi freddo, unitevi il succo delle arance e la scorza. All’ultimo montate a neve ben ferma la chiara d’uovo ed andate ad incorporarla al composto. Mettete tutto il composto in un recipiente da freezer, e lasciatelo raffreddare nel congelatore per un’ora circa. Una volta trascorso il tempo, riprendete il sorbetto e frullatelo (io ho usato il minipimer ad immersione). Quindi rimettete nel congelatore per conservarlo. Quando dovete mangiarlo vi consiglio di ritirarlo fuori con largo anticipo e di rigirarlo bene con un cucchiaio o con una frusta: deve risultare ghiacciato ma cremoso.

Risparmiamo l’acqua con la pacciamatura…

Risparmiamo l’acqua con la pacciamatura…

Ciao ragazzi, oggi parliamo della pacciamatura, fatta con metodi naturali e non…

Uno dei principali vantaggi della pacciamatura è la possibilità risparmiare l’acqua di annaffiatura delle piante; trattenendo l’umidità, infatti, permette di ridurre l’uso dell’acqua ed anche di risparmiare tempo, non costringendoci ad annaffiare tutti i giorni. Come forse ricorderete, ne avevamo già parlato nel post sui frutti di bosco, ma visto che il caldo estivo quest’anno si fa particolarmente sentire, penso sia meglio trattare più approfonditamente l’argomento.

Ci sono vari modi di fare la pacciamatura. Per esempio da qualche anno nel Giadorto io metto ogni settimana gli sfalci del prato tagliato. Lo posiziono intorno alle piante con un buono spessore in modo che, anche seccandosi, resti e trattenga sempre un pò di umidità e non faccia così seccare  la terra sottostante. Inoltre seccandosi e  disfacendosi, il prato tagliato diventa una specie di compostaggio a cielo aperto, e quindi concima pure. Allo stesso modo potete usare altri tipi di scarti naturali, come quelli che mettete nella compostiera (foglie, rami, ecc.). Forse saranno meno belli ma l’effetto è lo stesso.

Pacciamatura Con Corteccia

Intorno alle piante del giardino (quelle non da frutto) invece è molto comoda la corteccia di pino: anch’essa si disfà ma con un tempo un pò più lungo, più o meno tre anni; comunque trattiene molto bene l’umidità e vi permetterà di annaffiare meno risparmiando acqua. Io ho avuto la corteccia per 4 anni nel Giadorto (come vedete nella foto a destra) ma poi ho deciso di non aggiungerne più e di togliere la rimanente, perché purtroppo i gatti del quartiere l’avevano scelta come gabinetto personale… :-) Comunque se non avete di questi problemini ve la consiglio.

In altri paesi , sopratutto negli Stati Uniti, ho visto invece pacciamature fatte con un bello strato di aghi di pino, con corteccia triturata di quercia e faggio o anche solo con pezzetti di legno triturato ed (talvolta) colorato.

Lapillo Vulcanico

Ovviamente è possibile risparmiare acqua anche con pacciamature “non naturali”, come le pietre. In alcune aiuole del Giadorto, come quella della foto a sinistra per esempio, ho messo delle pietre di lapillo vulcanico naturale, ma si possono usare anche le pietre in marmo di Carrara. Con le pietre c’e’ veramente l’imbarazzo della scelta…scegliete quindi quelle che vi piacciono di più e mettetele nei vostri giardini o balconi. Naturalmente sono un pò più pesanti rispetto alla corteccia ma ci sono anche quelle più leggere…a voi la scelta…Pacciamatura Con Pietre

A voi Giadortisti da balcone consiglio le pietre o l’argilla espansa; anche in questo caso la terra nei vasi resta sempre un pò umida e potete risparmiare l’acqua, ma sopratutto restando umida vi dà la possibilità di non innaffiare tutti i giorni. Io uso le pietre in marmo di Carrara (le vedete sotto la trombetta nella foto a destra) perché amo molto il bianco, che fa risaltare le piante, inoltre col loro peso le pietre non permettono agli uccelli di spostare la terra. Trovavo sempre la terra scavata e sparsa ovunque dai merli sui miei balconi e con le pietre in marmo ho risolto anche questo problema. Come vi ho detto potete però mettere anche l’argilla espansa nei vasi: e’ più leggera e può essere spostata dagli uccelli, ma se non avete di questi problemi fate pure.

Penso che anche per oggi sia tutto, quindi non mi resta che lasciarvi la ricettina … Questa settimana continua il raccolto di melanzane, zucchine, fagiolini, pomodori….ecc, e con le melanzane ormai da qualche anno faccio questa ricettina golosa golosa che voglio condividere con voi…

Polpette di MelanzanePolpette Di Melanzane

Ingredienti: (per una decina di polpettine): 4-5 melanzane medie, un mazzetto di prezzemolo, 1 uovo, Parmigiano q.b., Pangrattato q.b., sale, pepe ed olio per friggere (ma si possono fare anche al forno).

Procedimento: lavate le melanzane, bucatele e fatele cuocere intere nel forno normale o per far prima qualche minuto nel forno a microonde, finche’ non saranno morbide. Una volta cotte vanno spellate e se ci sono troppi semi ne dovete togliere un po’. Solo ora mettetele in un minipimer o robot da cucina, riducetele in purea ed aggiungetevi il prezzemolo e l’uovo. A questo punto mettete la purea in una ciotola aggiustate di sale e pepe ed iniziate ad amalgamare il tutto con il parmigiano grattugiato ed un po’ di pangrattato, cercando di formare delle polpettine. Se il composto risulta troppo morbido va aggiunto naturalmente più parmigiano o pangrattato. Una volta preparate le polpettine, ripassatele nel pangrattato e friggetele immediatamente. Se non volete friggerle, potete comunque adagiarle in un recipiente da forno e cuocerle a 180° per 20 minuti. Le polpette sono pronte e buonappetito…