Tag Archives: arancia

Facciamo l’orto sul balcone?

Facciamo l’orto sul balcone?

Terrazzo1Buongiorno a tutti. Questa settimana parliamo dell’orto sul balcone, un tema cui abbiamo già fatto cenno in altri post, ma che con la bella stagione può essere interessante approfondire. Da sempre vi dico che anche chi non ha un giardino può godere del piacere di produrre pomodori, zucchine, melanzane, peperoni e  insalate sfruttando i piccoli spazi messi a disposizione dai terrazzi, o nel caso più semplice limitarsi alla cura delle piante aromatiche che decorano, profumano ed abbelliscono (per non parlare ovviamente dei fiori). Quest’anno ho messo tutte le piante aromatiche del giadorto in vaso, comprese quelle poche che in passato avevo messo in piena terra, anche perchè in terra tendono a diventare invadenti, e ovviamente col poco spazio che ho c’è sempre il problema di contenerne l’esuberanza :-) .

Terrazzo2Quindi ecco qua il terrazzo del giadorto: come potete vedere nelle foto è un pò rigoglioso… e pensate che prende il sole solo per mezza giornata (al mattino), quindi non venitemi a dire che avete terrazzi con poca luce e non vi viene nulla ;-) .

La cosa più importante è usare dei vasi abbastanza capienti. Io ho preso questi semplici vasi del diametro di 40-50 e ci ho messo tutte le piante aromatiche classiche (oltre ad alcune un pò meno note che amo particolarmente):  il rosmarino, la salvia classica, la salvia dalle foglie giganti (quella da fare fritta, per intenderci), l’origano, l’erba cipollina, la menta, la melissa, la cedrina (il cui nome scientifico è lippia citriodora kuntze) e il timo. Queste sono le aromatiche perenni; poi ho riseminato il prezzemolo e il basilico classico, ed ho comprato  il basilico gigante (a foglia di lattuga, quest’ultimo già più grandino in modo da porterlo utilizzare subito) e quello viola (li vedete nella foto sotto). Infine quest’anno l’esperimento orticolo che ho fatto sul balcone è il peperone rosso, che in questo momento sta facendo tutti i fiorellini. Se siete lettori affezionati del Giadorto, ricorderete forse che l’anno scorso avevo messo anche un pomodoro in vaso sul balcone, e quanti pomodori mi ha fatto!!! Proporzionalmente me ne ha fatti più lui, che quelli in piena terra, probabilmente perchè avevo usato un vaso bello grande. Poi non scordatevi dei fiori: quest’anno non ha fatto freddo ed i nasturzi nel vaso dell’anno scorso hanno iniziato a rifiorire; io comunque ne ho messi altri in un vaso separato perchè, come probabilmente ricorderete, oltre ad essere belli proteggono le altre piante tenendo lontani col loro odore gli insetti poco graditi .

BasilicoSulTerrazzoNei vasi dell’anno scorso sono uscite di nuovo le begonie: hanno fatto i fiori fino a dicembre; poi il freddo le ha un pò gelate; io le ho tagliate ed adesso sono rifiorite e sono più rigogliose di prima. Anche queste campanule blu cadenti sono dell’anno scorso, anche se in realtà loro non hanno mai smesso di fiorire. Io qualche mese fa ho solo zappettato dove potevo e riaggiunto altra terra a tutti i vasi e questo è il risultato. Ah, l’altra pianta molto carina è la calendula: se le togliamo i fiori sfioriti  continuerà a farne di nuovi ed a fiorire continuamente. L’importante (specialmente adesso col caldo) è annaffiare a giorni alterni, o un giorno si e due no. A questo proposito, per risparmiarmi la fatica nell’annaffiamento, anche quest’anno ho rimontato i gocciolatoi da terrazzo. Ve ne avevo parlato l’hanno scorso: sono molto comodi per non dover annaffiare, sia per quando ci siete, che quando siete via. Basta un punto d’acqua dove agganciare l’unità di controllo e poi coi tubicini ed i gocciolatoi portate l’acqua a moltissime piante. Quello che ho io è uno di quelli di base che permettono di programmare i minuti di annaffiamento (ad esempio 5 minuti) e lui ogni giorno si accende per 5 min alla stessa ora, e  funziona semplicemente a pile (il mio con una pila di quelle rettangolari da 9 volt).

Penso proprio che anche per oggi sia tutto…

Questa settimana vi lascio la ricettina di un risotto fatto con le ultime arance del giadorto e il salmone affumicato.

Risotto Salmone E AranciaRisotto arancia e salmone

Ingredienti: 200g di riso, 1-2 arance, 1 confezione di salmone affumicato, 1 spicchio d’aglio, olio e.v.o. q.b., vino bianco q.b., un mazzetto di prezzemolo, 1 noce di burro, sale.

Procedimento: Prendete una pentola abbastanza capiente, fate un fondo di aglio ed olio, e non appena soffrigge aggiungete il riso a tostare per qualche minuto. Nel frattempo lavate le arance, grattete via la scorza e tenetela da parte; spremete quindi il succo d’arancia ed andatelo a mettere subito nel risotto. Cuocete il risotto col succo delle arance, un pò di vino bianco, ed aggiungendo mano a mano che il risotto procede nella cottura acqua calda se necessario (io scaldol’acqua nel bollitore, così ne ho sempre a disposizione). Lavate anche il prezzemolo e tritatelo più finemente possibile, quindi tenetelo da parte con le scorze delle arance. Infine tagliate anche il salmone a pezzettini. Una volta che il risotto è cotto aggiungete gli ultimi ingredienti: le scorze d’arancia, il salmone, il prezzemolo ed una noce di burro. Mescolate il tutto e servitelo immediatamente… e buonappettito.

E dei frutti di bosco ne vogliamo parlare?!

E dei frutti di bosco ne vogliamo parlare?!

Ciao a tutti! Torniamo a parlare di Giadorto e dintorni, dopo qualche giorno di vacanza e numerosi pomeriggi passati a zappettare, seminare, piantare e innaffiare ;-) . Innanzi tutto una comunicazione di servizio per tutti i Giadortisti (ma anche per tutti quelli che nei prossimi giorni si trovano a Roma o in zona e vogliono fare una gita fuori porta). Nel fine settimana c’è la “Primavera alla Landriana”; ci saranno  tantissimi espositori (spesso negli stand si trovano anche piante rare, io 2 anni fa ho trovato un bellissimo cespuglio di limone-arancio Mayer). Come ogni anno saranno visitabili I Giardini della Landriana, 10 ettari di bellissimi giardini (o “stanze-giardini” come Russell Page, il progettista, amava chiamarli). La villa e il parco, per chi non lo sapesse, si trovano sul litorale romano a Tor San Lorenzo, nel comune di Ardea. Se non li conoscete, vi consiglio vivamente di farci una scappata; la mostra apre venerdì e chiude domenica.

Ma torniamo a noi. Oggi volevo parlarvi dei frutti di bosco, per non farmi mai mancare un pò di frutta, ho messo sotto gli alberi del Giadorto, anche qualche pianta di questi squisiti frutticini. In natura questi piccoli frutti vengono spesso all’ombra degli alberi più alti, quindi perchè non piantare qualche cespuglio di more, mirtillo, ribes, fragole e lamponi (rosso e giallo)?

More

Fragoline Di Bosco E Lampone GialloSono di facilissima gestione, in quanto d’inverno seccano e quasi non si vedono. I lamponi, ad esempio, scompaiono del tutto, mentre adesso già sono rispuntati e d’estate diventano un bel cespuglio di un metro e più che produce continuamente frutti (vedi foto del lampone giallo e delle fragoline di bosco). Le more sono quelle che richiedono un pò di manutenzione in più, in quanto vanno potate ogni anno, o meglio ogni anno va tagliato il vecchio ramo dell’anno prima e tenuto il “butto” o i “butti” dell’anno nuovo, perchè è su questo che farà le more (difficile da spiegare ma facile da fare: per capirci è un pò come si fa per la potatura dei kiwi e della vite, vanno potati i rami vecchi e lasciati quelli fatti nell’anno in corso). Per i mirtilli e i ribes è semplice, perchè fanno tutto da soli: perdono le foglie d’inverno e le rimettono a primavera. Bisogna solo essere pazienti, perchè come per gli alberi da frutto hanno bisogno di crescere (quindi vanno in produzione dopo qualche anno). Per le fragole e fragoline di bosco, vale un discorso a parte perchè sono sempre verdi o quasi; oggi, inoltre, esistono anche le “fragole 4 stagioni” che fioriscono e fanno i frutti più volte l’anno; le fragole però sono più delicate e vanno curate di più. Vanno zappettate e in primavera  vi consiglio di fare la pacciamatura  naturale, che consiste nel mettere un bello strato di materiale organico intorno alle piantine, in modo che non nascano le erbacce e le fragoline si appoggino su un materiale morbido e caldo che non le faccia marcire. Io uso la corteccia di pino (vedi foto), la paglia, gli sfalci del prato tagliato o gli aghi di pino. Sapete, le fragole amano stare al calduccio!!!

Corteccia Di PinoE Mini IrisPer farvi scegliere: se non volete mettere tutti i tipi di frutti di bosco, quelli che producono di più sono i lamponi che li fanno in continuazione, poi le more, i mirtilli (quello a cespuglio americano ne fa di più ma una sola volta), i ribes, e le fragole. Io li ho messi tutti… come sempre esagero!!! Però poi d’estate anche solo pochi frutti di bosco misti sopra il gelato sono buonissimi…! Dimenticavo: tutti i frutti che ho messo sono quelli coltivati, che per intenderci trovate anche al supermercato in quelle vaschettine piccolissime e carisssime…!!! Inoltre le piante di  more coltivate, che vendono in giro non sono come quelle selvatiche, i frutti sono molto più grandi(vedi foto in alto) e sopratutto la pianta non ha le spine (non si può dire lo stesso per le micro spinette delle piante di lamponi). Mi raccomando quindi: qualche frutticino di bosco compratelo e piantatelo! E anche voi Giadortisti da balcone potete provare a mettere qualche pianta di lampone in vaso: non ho ancora avuto la possibilità di provare, ma secondo me ci possono venire benisimo… Poi costano veramete poco, li ho visti venduti in quelle scatole di cartone anche nei supermercati per pochi euro.

 Bè, anche per oggi penso sia tutto…manca solo la ricettina…!!!

 Mazzancolle all’arancia    

 Ingredienti: Considerate (a seconda della grandezza) una decina di mazzancolle a testa, 1 spicchio d’aglio, olio e.v.o., 1-2 arance (sempre a secoda della grandezza), brandy per sfumare, pepe macinato al momento, sale.


Mazzancolle All'AranciaProcedimento:
Per prima cosa lavate l’arancia non trattata, grattate la buccia e spremetela. In una padella mettete l’aglio con l’olio extravergine di oliva ad imbiondirsi per pochi istanti, poi aggiungete subito le mazzancolle ben lavate e fate andare a fuoco vivace il tutto per qualche istante; solo ora per “sfumare” unite poco brandy ed il succo dell’arancia. Girate spesso ma stando attenti a non rompere le mazzancolle; in pochi minuti il piatto è pronto. Quando il brandy ed il succo evaporano e  formano il “sughino”, potete impiattare le mazzancolle ed aggiungere se gradite un pò di pepe macinato e le scorzette dell’arancia. Mi raccomando: le mazzancolle come tutti i crostacei ed il pesce in generale hanno tempi di cottura molto brevi. Inoltre questo piatto può essere fatto non solo con le mazzancolle ma anche con i gamberoni o con i gamberetti; provatelo con quello che trovate dal pescivendolo, tanto come lo fate lo fate è sempre squisito…

Alla prossima e  Buon appetito…!!!