Tag Archives: basilico viola

Piante e fiori sui balconi

Piante e fiori sui balconi

Piante Aromatiche Sul TerrazzoCiao a tutti. Avete un balcone e vi state chiedendo come renderlo più accogliente con piante e fiori? O state pensando di riempirlo di piante aromatiche per dare un pò di sapore ai vostri piatti? Bene: oggi parliamo di piante sul balcone, e di come abbellire e mantenere sempre rigogliosi, fioriti e profumati i vostri spazi esterni, dando magari anche qualche piacere al vostro palato ;-) .

Io ad esempio su uno dei balconcini di casa ho scelto di mettere tanti vasi con le piante aromatiche. Le ho scelte perchè sono sempreverdi, sono profumatissime e in un attimo quando sono in cucina posso cogliere le foglie di quella o di quell’altra pianta che mi serve per la ricetta del momento. In questo periodo, visto il clima ancora inaspettatamente caldo di Roma, ho ripiantato qualche piantina di basilico: vediamo se riescono a crescere. A parte il basilico, le altre aromatiche sono quasi tutte sempre verdi, e quindi come tali vanno trattate. Ogni tanto io le annaffio mettendo nell’acqua un pò di concime bio per aromatiche.

Melissa Timo E SalviaPoi a seconda della pianta, alcune dopo la fioritura hanno bisogno di “ripartire da zero”; vanno cioè potate, in modo da eliminare le infiorescenze secche e stimolarne la rigenerazione. Questo vale soprattutto per salvia, origano, menta e melissa. Vi sconsiglio invece di potare il rosmarino: potete all’occorrenza togliere solo i rametti quando ne avete bisogno. In questo periodo, oltre a concimarle, aggiungere terreno e zappettare la terra intorno alle piante nei vasi, ho dovuto aggiungere del lapillo o delle pietrine un pò più pesanti, per dissuadere i merli dallo scavarle…:-(. Purtroppo mi avevano quasi fatto seccare la salvia gigante, e hanno fatto seccare un tipo di timo, che noi in Toscana chiamiamo “pepolino”, e che per fortuna ho già ritrovato e sostituito. Ho trovato inoltre un altro tipo di timo detto “timo al limone” perfetto sui piatti di pesce. Quindi sul mio balconcino adesso, per quanto riguarda le piante aromatiche stagionali, ho basilico genovese, basilico gigante, basilico viola, basilico greco, prezzemolo e peperoncini. Delle aromatiche perenni ho invece salvia classica, salvia gigante, rosmarino, melissa, timo-pepolino, timo al limone, origano, menta, erba cipollina e cedrina (o erba cedra). Voi ovviamente potete sbizzarrirvi come più vi piace: di piante aromatiche ce ne sono tante e per tutti i gusti, quindi date spazio alla vostra fantasia. In questi giorni ho trovato inoltre delle bellissime lavande mignon, tutte super fiorite e profumatissime ed ecco che ho abbellito il mio balcone anche con questo profumatissimo tipo di aromatica.

Begonie RosaInsieme alle aromatiche, naturalmente non possono mancare i fiori: oramai da 2 anni ho le begonie, che grazie al clima mite di Roma non seccano mai (anzi sono fiorite tutto l’anno). Ma questo è il periodo in cui cambia la stagione e quindi possiamo approfittare per dare nuova vita a balconi e giardini con le piante che fioriscono in autunno. Possiamo sbizzarrirci ad esempio con i coloratissimi ciclamini, con le pansè, con le eriche e con i cavoli ornamentali. Io, oltre ad avere i ciclamini dell’anno scorso (che stanno “ributtando”), ne ho comprati di nuovi; poi ho preso una nuova bellissima erica (mi piace trovare ogni anno delle fioriture diverse) e delle belle pansè. Ovviamente potete anche approfittare per fare delle belle composizioni: basta usare un pò di gusto e fantasia e vedrete che super-balconi fioriti che avrete. :-)

Questa settimana c’è Halloween, e come tradizione del Giadorto (per festeggiare questa ricorrenza che da qualche anno abbiamo “importato” dai paesi anglosassoni) apro la prima zucca dell’anno. In questi giorni quindi sto sperimentando delle nuove ricettine a base di zucca. La scorsa settimana per esempio ho comprato una teglia per Muffin e le mie cattive intenzioni hanno poi dato vita a 2 ricette  di dolci e super golose :-) . Io ho usato delle farine un pò particolari, ma voi potete usare anche quella normale.

Muffin Alla Zucca Con Mela E NociMuffin alla zucca con noci e mele.

Ingredienti: 200g di zucca, 250g farina di riso, 50g di fecola di patate, 150g di zucchero, 1 bicchiere di olio di girasole,1 bicchiere di latte di riso, 2 uova, 2 manciate di noci sminuzzate, 2 mele, 1 bustina di lievito.

Procedimento: Innanzi tutto ho lavato e aperto la zucca. L’ho fatta a dadini grossolani e l’ho cotta in una pentola a fuoco basso, con poca acqua,  fino a che si è disfatta (in particolare ho seguito questo procedimento per entrambe le ricette e poi ho pesato la zucca che mi occorreva per ciascuna). Una volta cotta, ho schiacciato la zucca con la forchetta e l’ho lasciata a raffreddare. Nel frattempo ho pesato la farina, lo zuccero, la fecola, ed ho iniziato a mescolare tutti gli altri ingredienti: le uova, il lievito, l’olio, il latte; vi ho sminuzzato anche le noci e la mela sbucciata e fatta a dadini piccoli. Solo al’ultimo momento ho aggiunto la zucca. Quindi ho  Inburrato ed infarinato lo stampo per i muffin e vi ho distribito l’impasto. Ho Decorato ogni muffin con un pezzo di noce e li ho infornati a 180° per 20 minuti.

Muffin alla zucca con farina gialla e spezie.

Ingredienti: 200g di zucca, 200g di farina gialla fioretto, 50g di fecola di patate, 1 bustina di lievito, 150g di zucchero di canna grezzo, 3 uova, 1 bicchiere di olio e.v.o., 1 bicchiere di latte, cannella q.b., 1 cucchiaio di miele, noce moscata q.b..

Procedimento: Misuro 200 g della purea di zucca che ho già fatto per la precedente ricetta. Vi aggiungo  le uova, lo zucchero, la farina di mais e la fecola. Continuo a girare e vi inserisco tutti gli ingredienti mancanti: il lievito, l’olio, il latte, la cannella ed una grattugiata di noce moscata. Giro bene  l’impasto e se dovesse risultare troppo compatto aggiungo altro latte. Infine preparo lo stampo per i muffin inburrandolo ed infarinandolo, vi inserisco l’impasto e faccio cuocere i muffin per 20 minuti a 180°.

La cura dei pomodori

La cura dei pomodori

Ciao ragazzi, scusate l’assenza, talvolta veniamo travolti dalle tante cose da fare e purtroppo dobbiamo tralasciare con rammarico quelle che ci piacciono di più… :-(

Oggi parliamo di una delle principali orticole di questo periodo e della sua cura: la pianta dei pomodori. Molti inoltre mi hanno chiesto di spiegare meglio come si effettua la “stallatura” (pratica a cui ho accennato in altri post), e visto che non c’è modo migliore se non quello di farvi vedere dal vivo come si fa, in questo post provo a condividere il primo video tutorial.

Partiamo con le azioni principali per aiutare le vostre piantine di pomodoro a produrre tanti bei frutti: io che sono fissata col mio orticello, lego e stallo i pomodori ogni settimana; poi col caldo di questi giorni una bagnatina gli va data per forza (se non tutti i giorni, almeno a giorni alterni); infine se vedete che faticano a crescere potete dar loro del concime in granellini naturali (da spargere sul terreno circostante le piante) o liquido (da mettere nell’acqua dell’annaffiamento). In realtà vi confesso che quest’anno non sto dando loro nulla; se vi ricordate, in inverno avevo rimineralizzato il terreno coi lupini e poi (verso l’inizio della primavera) vi avevo mischiato la cenere di legna prodotta dalla mia stufa. Adesso quindi mi sto limitando a mettere gli sfalci d’erba che produco ogni settimana quando taglio il prato, che (come vi ho detto nell’ultimo post) contribuiscono a concimare il terreno oltre che a tenerlo umido (con conseguente risparmio d’acqua).

Inoltre, come vi ho sempre consigliato, oltre che stallare i pomodori è buona pratica incannarli: riuscirete a coltivarli meglio. Qualcuno non lo fa (specialmente chi ha la fortuna di avere tanto terreno a disposizione) perchè, anche se le piante produrranno meno, c’è così tanto spazio che non ha importanza avere la massima resa; per chi ha un piccolo orticello domestico è bene invece sfruttare l’incannamento al meglio, avendo l’accortenza di mantenerlo settimana dopo settimana. Io in particolare tendo a fare un incannamento ad 8 piante, ma ci sono molti altri modi; se non ricordate come si fa, vi consiglio di dare una occhiata al post che avevo scritto in merito un pò di tempo fa e che trovate cliccando qui.

A proposito: oramai sono iniziati a maturare i pomodori. I primi, come sempre, sono stati i pomodori più piccoli; in particolare mi sono maturati i datterini e quelli a grappolo tondi. Ed adesso, mano a mano stanno maturando anche tutti gli altri. Li vedete nella foto: naturalmente una bella caprese con della buona mozzarella di bufala ed il nostro basilico non ce l’ha levata nessuno…. :-)

Primi Pomodori 2013

Unica delusione sono state le “razze” dei pomodori…Quest’anno avevo trovato dei bellissimi pomodori che dovevano essere “i neri di crimea”, ed invece purtroppo mi sembra siano dei normalissimi pomodori a grappolo… :-( E’ possibile che una volta che non mi semino la roba da sola rimango delusa? Già pregustavo questi bellissimi pomodori che avevo assaggiato qualche anno fa a Granada in Spagna (buonissimi tra l’altro)…ed invece niente…pazienza.

Oggi volevo lasciarvi inoltre due ricettine semplicissime  fatte coi nostri pomodorini…

Penne Zucchine E PomodoriniPenne zucchine, pomodorini e basilico viola

Ingredienti: 180-200g di pasta corta tipo penne, 1-2 zucchine, 1 manciata di pomodorini, vino bianco q.b., parmigiano q.b., olio e.v.o., 1 spicchio d’aglio, 1 mazzetto di basilico viola, peperoncino (se gradito).

Procedimento: Mettete a bollire l’acqua per la pasta; nel frattempo lavate e fate a rondelle sottili le zucchine. In una padella mettete a soffriggere l’aglio con l’olio, e  non appena l’aglio soffrigge buttatevi le zucchine; fatele cuocere così per qualche minuto, infine sfumatele con un pò di vino, e poi quasi a crudo aggiungete i pomodorini, che avrete precedentemente lavato e tagliato a metà. Infine buttate la pasta, cuocetela e scolatela al dente, e andate a mantecarla con un pò di acqua di cottura assieme ai pomodorini, alle zucchine ed al basilico viola. Per questa pasta io ho usato il parmigiano per la mantecatura, ma se volete potete usare altri tipi di formaggi: un pò di caciocavallo  o una provola, secondo me, non ci starebbero affatto male: a voi la scelta.

Altra ricetta che volevo lasciarvi è quella della feta fatta al forno, l’ho mangiata da poco in un ristorante greco e volevo riproporvela.

Feta E Pomodorini Al FornoFeta al forno con pomodorini e origano

Ingredienti: 1 fetta di feta (o fresca o confezionata), qualche pomodorino, olio e.v.o. q.b, erbette tipo origano e basilico, pepe.

Procedimento: Prendete una teglia da forno, stendeteci sopra un foglio di alluminio, mettete poco olio sul fondo ed adagiatevi la fetta di feta. Lavate e tagliate a pezzettini i pomodorini, metteteli sulla feta e condite il tutto con poco olio origano e basilico. Chiudete il cartoccio e fate sciogliere la feta nel forno già caldo a 180° per pochi minuti. Facile no?

Anche per oggi è tutto ciao ed alla prossima…